"Donna

calpestata come falena nel suo volo silente,    

venduta tra i binari metropolitani di oscure notti,

con forza riemergi dalle tempeste della tua esistenza..."

 

"...sei Dea di grazia di prosa più bella,          

goccia di luce di gran pregio,

esotico fiore di meravigliosa bellezza

dall’essenza più rara e dai petali di cristallo"

 

[tratto dalla lirica "Inno alla donna"]

Vivere nell'amore...

 

 

Vivere nell'amore

che cinge di brividi il mio corpo

come in una notte fredda d'inverno.

In soffici viole 

dove una coccinella riposa

attendendo l'alba che nasce dietro mondagne oscure.

Vivere nell'amore

scomponendo il mosaico della solitudine

per aprire finestre su luccichii di diamanti

dove splende il volto di madre,

amore insesistabile.

Vivere nel mio amore per te

dove il mio essere è ricamato con filo d’oro

dal tuo sorriso.

Vivere nell’amore percorrendo

i gradini lievi delle nuvole

per riuscire a baciare il cielo

in un perpetuo delirio amoroso"

 

 

 

 

 

 

 

 

“Esci dall’etere dei miei sogni

Angelo mio

come un’ eco tra i corpi delle colline

tra deviazione e confusione

della vanagloria della mia mente”

 

“E nella celestiale tua divinità

plana

su speranze sommesse

tra mani giunte

e conforti sognati

e avvolgimi nel tuo grembo sicuro”

[tratto dalla lirica "Il mio Angelo"]

"...In questa vita scorrono veloci i miei pensieri

senza chiaroscuri né ombre

senza né porte né finestre..."

 

"...liberi

che s’intrecciano disordinati al mio essere

dove si spalanca l’immagine del sole

che, all’imbrunire,

delicatamente stringe i fianchi del mare

ballando al tramonto

un appassionato tango della vita"

 

[tratto dalla lirica "Il tango della Vita"]

"Amore e Psiche" di Antonio Canova 1788-1793
Museo del Louvre a Parigi

Poesia finalista con Menzione speciale 

al  "Premio Internazionale

di Poesia e Narrativa Percorsi letterari Shelley e Byron"  con pubblicazione all'interno dell'antologia "Percorsi letterari  Shelley e Byron"- 2015

"Bambini sporcati

sulle pagine di una sadica rivista

usati come ridicole marionette senza fili

che si muovono al ritmo

di un’ esistenza violenta

più forte di loro..."

 

(dalla lirica "Bambini")

 

" Ritratti di sorrisi sui loro volti

di altalene dondolate dalle loro risate

di prati fioriti dalla loro gaiezza

che dipingo brillante sulla meravigliosa tela della loro infanzia..."

Dipinto di George Dmitriev

FOLLOW ME

  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • c-youtube

© 2023 by Samanta Jonse. Proudly created with Wix.com

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now